Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito

Se continui a navigare senza cambiare queste impostazioni, acconsenti. Per saperne di piu'

Approvo

 

Save the date
Giovedì 13 Novembre 2014
Ore 14 - 18
Milano - Palazzo Turati - Via Meravigli, 9/b
In collaborazione con:


Il tema del convegno

La crisi ha inaspettatamente rimesso il Giappone al centro dei riflettori internazionali. A lungo le sue eccezionali performance dal dopoguerra sono state progressivamente considerate acquisite, come se la modernità industriale e le capacità produttive appartenessero all’ordine naturale delle cose. Il paese sembrava posto in un recinto di eccellenza, oggi può invece insegnare a mantenere un’alta qualità della vita, un percorso politico imperniato sulla stabilità e l’alternanza, una vivace attività culturale. Il simbolo del Convegno è infatti l’eleganza dei fiori di ciliegio, un ramo stabile nel grafico economico.


Linee guida

Almeno 4 motivazioni spingono ad analizzare la fase storica che il Giappone sta attraversando. Innanzitutto, è ancora la terza economia al mondo e un paese interamente asiatico, nonostante la sua affiliazione prima al G5 e poi al G7. Rientra dunque perfettamente nel recinto di analisi di Osservatorio Asia, le cui riflessioni sull’Asia sono raccolte nell’e-book appena realizzato (http://www.osservatorioasia.com/it/attivitait/i-libri-di-osservatorio-asia/344-quaderni-dalla-cina-e-non-solo).

In secondo luogo, l’Abenomics - cioè la politica economica del Primo Ministro Shinzō Abe - rappresenta probabilmente l’esperimento più innovativo e audace dell’Asia Orientale, una risposta coraggiosa alla deflazione consolidata. Le sue tre frecce - la politica monetaria, lo stimolo fiscale, le riforme strutturali - saranno valutate per stabilirne la praticabilità e l’efficacia sul paese.

Inoltre, il modello giapponese può offrire all’Europa una soluzione alla difficoltà di “convivere senza crescita”. Lungi dall’inseguire tassi oggi impossibili, il gigante asiatico offre l’esperienza di una gestione permanente della crisi, fino a diluirne gli effetti contabili in un contesto socialmente più ampio e favorevole.

Il Giappone presenta infine numerose similitudini con l’Italia, dall’alto debito pubblico all’invecchiamento della popolazione, dalla specializzazione produttiva alla vocazione esportativa. Pur nelle differenze strutturali, le sue soluzioni potrebbero almeno costituire un’esperienza da valutare e utilizzare.

È opportuno dunque che il Giappone torni alla ribalta dell’analisi, come nelle corde di un think tank specializzato. Osservatorio Asia è ancora testimone di eventi importanti; comprenderne gli esiti è di interesse delle imprese italiane, degli operatori, della stampa, delle istituzioni. Come sempre, le ripercussioni saranno conseguenziali, perché studiare i fenomeni economici è propedeutico alle forme più redditizie di relazioni.


Modalità di partecipazione:

la partecipazione al Convegno è gratuita, previa registrazione. Gli inviti sono riservati agli operatori economici, alle autorità, agli sponsor del Convegno, ai media.
Per accreditarsi occorre inviare un e-mail di conferma con nome, cognome, azienda/ente di appartenenza, indirizzo e-mail a:

Erika Bandini – Segreteria Osservatorio Asia
Tel. 0542 31977
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Pubblicazioni

Alberto Forchielli e Romeo Orlandi
“Quaderni dalla Cina (e non solo)”
Publisher: KKIEN Publ. Int
Price € 2,49
 

Ultimo Video



Asia: Le Nuove Sfide dopo Congressi ed Elezioni - 9° Convegno Annuale di Osservatorio Asia

Informazioni Utili

Via Emilia, 34
40026 Imola (BO)
Italy
Privacy e Cookies
+39 0542 31977
+39 0542 067524 (Fax)
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Tweets Recenti

Contattaci